L’ombra del vento, di C.L.Zafón [Roma]

Legge “L’ombra del vento“, di C.R.Zafón, in piedi in mezzo al via-vai della linea B della metro di Roma. Ombretto argentato tutt’intorno agli occhi, per un attimo sembrano lacrime di immedesimazione, poi si capisce che brillano troppo e quindi no, non possono essere lacrime:sono tracciate da un tocco troppo perfetto per esserlo e la perfezione c’è soltanto nelle belle storie. Come quella che legge.

 
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: