La ballerina dello zar [Torino]

Una signora sui sessanta, capelli rossi, occhiali coloratissimi. Legge in piedi, appoggiata ai sostegni del vagone. Tiene La ballerina dello zar di Adrienne Sharp aperto all’altezza degli occhi. E’ del tutto indifferente al via vai in metro del primo pomeriggio. Nemmeno l’ingresso di un volontario del 118 – tuta fosforescente, zaino in spalla – che la urta, serve a distrarla. Si limita a girare su sé stessa di 90°. Cambia appoggio. Non si scompone, non alza lo sguardo dalle pagine. Continua imperterrita la lettura e il viaggio. 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: