Oltre le porte del tempo [Faenza]

Una visione fugace dal finestrino. Lei, impassibile dalla fermata effettuata dal treno poco prima, legge Oltre le porte del tempo senza mai dare una pausa ai suoi occhi stanchi dalla giornata lavorativa. Nella mano destra tiene in bilico una penna Bic nera, con la quale ogni tanto giocherella, intrecciandola con i lisci capelli neri. Con una compostezza ineccepibile, al contrario del treno che riparte a strattoni, continua la sua lettura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: