Rebus di mezza estate [Torino-Milano]

Rebus di una notte di mezza estateUna signora sui 45 sale in treno. Capelli rossi, maglia senza maniche a righe, stivali beige. Penso sia una pendolare di lungo corso, perché mi capita spesso di vederla al mattino. Si siede dove capita e quasi invariabilmente è costretta ad alzarsi, quando arriva il proprietario del posto.  Oggi occupa il sedile accanto al mio. Inizia subito a leggere Rebus di mezza estate di Gianni Farinetti. Tiene il libro appoggiato sulle gambe. La borsa, capiente e blu, in equilibrio sulle ginocchia. Sembra assorta, ma pronta ad alzarsi in qualunque momento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: