Ragazzi di vita [Cesena]

Ragazzi+di+vita[1]Nella luce soffusa della sala d’attesa, una ragazza in pantaloni scuri e giacca con fantasia a quadretti cerca di leggere le prime pagine di un libro dall’accesa copertina rossa, Ragazzi di vita. Scruta attentamente ogni riga in cerca di qualsiasi dettaglio, trovandosi evidentemente in difficoltà con il romano del primo Pasolini, non subito accessibile. A un certo punto vede entrare due amici e, istintivamente, con un sorriso aperto e sincero lascia perdere la lettura per fare due chiacchiere. Dopo poco la voce registrata annuncia un treno in arrivo al binario 2: lei si alza, saluta e si incammina verso il sottopasso, dando però l’impressione a chiunque là dentro che, appena trovato posto sul treno, l’attenta lettura di prima ricomincerà.

Advertisements

7 commenti

  1. Questa lettura mi ha segnata, è un testo indimenticabile: verace e struggente. Ti fa entrare nella vita dei personaggi raccontati e ti fa sentire gli odori, i colori, i rumori, le sofferenze di una Roma d’altri tempi…che non è detto non ci sia più.

    1. Ho sentito molti parlare bene dei contenuti di questo romanzo e molti dire di non averci capito molto; la mia versione é sul comodino da qualche tempo, quindi spero di poter dare presto il mio parere 🙂

      1. Ciao Francesco, Pasolini è un autore fondamentale, secondo a me nei licei si dovrebbe insistere di piu su questo scrittore (e non solo), apre la mente, è un precursore. Quanto a Ragazzi di Vita, è un libro che racconta la marginalità, i bassifondi, le vecchie borgate romane…andare verso il “basso” ed entrarci dentro, non è per tutti, non è per quelli che non sono preparati ad accogliere quel mondo. Buona lettura

      2. E’ senza dubbio un personaggio importante in letteratura, cinema e anche per lo studio della nostra stessa storia. Senz’altro sarebbe da approfondire, ma come sarebbero da approfondire molti altri autori importanti che l’istruzione italiana snobba e lascia marginali, purtroppo. Leggere Ragazzi di Vita, per quanto ho fatto finora mi ha ricordato altri romanzi che entravano così bene nei bassifondi, li sviscerano e non danno soluzione a tutti i problemi che essi presentano; certamente questi “mondi” sono duri e impervi anche solo ad entrarvi col pensiero e la fatica che una persona può fare (non è il mio caso, ma sono le voci di chi ho potuto sentire in giro) con il linguaggio scritto non è sicuramente da poco.

  2. battuta facile scontata et banale: libro adattissimo alle insidie metropolitante della metropolitana. =____=

    1. Se non altro può aiutare a staccarsi dalla realtà “metropolitana” della metropolitana o del mezzo generico di trasporto per l’attenzione che richiede! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: