Castelli di rabbia [Forlì]

castelli+castelli[1]L’unico posto disponibile nella carrozza vagamente moderna è uno già parzialmente occupato da un ragazzo che soffre tremendamente il lunedì mattina e quindi dorme di un sonno molto profondo.
La mano destra, chiusa a pugno, sostiene la testa sulla quale svettano dei capelli perfettamente modellati con il gel; al polso sinistro ha un gran numero di braccialetti etnici e la mano stessa stringe forte, sulla felpa verde, Castelli di rabbia: per lui non è sicuramente la mattina giusta per leggere Baricco.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: