Il gatto [Roma]

il gatto
Alle spalle di una classe di ragazzi dallo spiccato accento emiliano (in gita, presumo) vedo delle scarpe che mi piacciono e un ombrello lungo accanto. Sembrano di un’altra epoca. O perlomeno non si addicono alle scarpe e agli altrettanti ombrelli dei ragazzi che occupano quasi tutto il vagone. Allora mi concentro, e aspetto paziente di scoprire altri particolari.
Nel frattempo arriviamo a Termini, delizioso crocevia di rinforzi umani. Io e i miei compagni di viaggio barattiamo la flotta di studenti con un numero meno generoso di passeggeri e finalmente riesco a vedere lui: trent’anni circa, occhi chiari,sguardo limpidissimo ma poco entusiasta.Tra la sua spalla e il maniglione della porta è appoggiata la custodia di uno strumento. Non è un basso, stavolta è chiaro. E’ un chitarrista.
Non capisco se la smorfia che ogni tanto si disegna in viso sia dovuta a quello che sta leggendo, al caldo eccessivo della metropolitana o magari alla nostalgia dell’allegra flotta che lo circondava.
Scendo col dubbio sulla smorfia e con due certezze: mi piacciono le sue scarpe e soprattutto mi piace il suo libro,Il gatto, Simenon.

One comment

  1. E piace anche a me, decisamente!
    Metto anche il libro nella lista della spesa!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: