Dance Dance Dance [Roma]

dance
Sono in due, una ragazza e un bambino. Il bambino, cappellino e salopette arancioni, è perfettamente seduto sulle gambe della ragazza: con i capelli raccolti e il foulard.
Lo abbraccia, e il sigillo del ‘cilindro’ immaginario che si crea con le braccia di lei è proprio il libro. Cioè, quel libro. Aperto davanti a tutti e due, ma letto solo da uno. Anche se il bambino ha un ruolo speciale, quello di girare le pagine. Io sono seduta di fronte e ci vogliono almeno tre fermate per accorgermi dell’accordo tra i due, del ‘segnale’: un colpetto del mento di lei sulla testa del bimbo e lui volta pagina, con la faccia di chi non deve essere disturbato. Siamo almeno in quattro ad essere rapiti da questa scena, tutto è cominciato dalla salopette arancione del bambino, la mascotte del vagone. La salopette, prima ancora del bimbo. Dance Dance Dance, Haruki Murakami.

2 commenti

  1. Che bella descrizione ^___^

  2. Adoro Murakami, e questa descrizione e’ molto poetica, magari fossero piu’ continue queste scene.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: