La gioia di scrivere [Milano]

gioiaMilano finalmente vuota. Milano pigra e lenta. Milano fredda e umida nei giorni pasquali. Sulla pensilina deserta, in attesa del tram numero 24, una ragazza si stringe nelle spalle e rabbrividisce. In piedi, sprofondata nella sciarpa che lascia scoperti solo gli occhi, legge una raccolta di poesie della poetessa polacca Wislawa Szymborska. Dopo un’attesa che pare non finire mai, il tram arriva. La nostra lettrice sale di corsa, sconvolta dal vento freddo. Si sistema su un sedile vicino al finestrino, tossisce ripetutamente, poi riprende la lettura. Silenzio – anche questa parola fruscia sulla carta.

2 commenti

  1. Ho preso il tram 24 per molti anni della mia vita e dopo tutto questo tempo vedo che certe cose non cambiano mai, tipo le lunghe attese anche ora che il percorso del tram è cambiato.🙂
    Che meraviglia vedere qualcuno che riesce a leggere poesie anche su un tram affollato.

    1. Alessandra Voi · · Rispondi

      Il 24 fa parte dei miei percorsi quotidiani. Ed è una certezza, chiamiamola così🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: