Raccontami la notte in cui sono nato [Roma]

Raccontami la notteCome la chiacchiera durante i concerti, con la stessa tenacia e ostinazione, un esemplare di Essere Umano dotato di pachidermico telefono cellulare e decibel vocali senza paragoni sta disturbando Lettore Giovane, metro A, ore 7.30, San Giovanni. Lettore Giovane stacca ripetutamente lo sguardo dal libro, come quando non si vuol perdere di vista il susseguirsi delle fermate. Stavolta la procedura ritmica di “sollevamento testa” è raddoppiata, perchè l’essere umano di cui sopra sta monopolizzando le distrazioni di tutti. Lettore giovane ha uno zaino di quelli che ti riportano subito agli anni 90 e i capelli appena tagliati. Le vicissitudini di Essere Umano scandiscono il tragitto e ormai appartengono a tutti i passeggeri. Lettore Giovane si guarda intorno, rassegnato, si; ma è troppo discreto per sembrare disturbato. Tra questi due mancati litiganti, il terzo ha un nome prezioso: Raccontami la notte in cui sono nato, Paolo di Paolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: