1Q84 [Treviso]

 

1q84Inciampa nel marasma di persone, nel tentativo di ricavarsi uno spazio tra i gradini che portano alla prima classe. Il suo comportamento goffo e incerto svela indizi sull’età. Non supera i vent’anni. Probabilmente diciotto. Tiene stretta a sé un libro che diventa troppo grande tra le sue mani. Si accomoda, in uno spazio angusto che nel treno affollato non ero nemmeno riuscito ad individuare. Sfoglia il libro con la disinvoltura di un bambino di fronte ad un quotidiano. Il libro pesante non trova la sua corretta collocazione tra le braccia. Lo sposta leggermente di continuo, cercando stabilità nel poggiarlo sulle ginocchia. Le dita affusolate faticano a voltare le pagine e il capello lungo e biondo si incunea appena tra di esse. La stessa determinazione nel trovare un posto in un vagone disagiato, la riporta in quella lettura. Continua imperterrita, anche nella difficoltà, fino a trovare una sua collocazione, la sua posizione.

Indomita entra nel mondo descritto da Murakami Haruki in “1Q84” e non ne esce fino a che l’altoparlante non annuncia la sua stazione d’arrivo. Posiziona il segnalibro e torna nella sua camminata elegante ma imperfetta verso la porta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: