È una vita che ti aspetto [Roma]

fabio voloCamicia bianca, pantaloni neri, formale ma non troppo, più alta della media delle persone che la circondano. Non si cura della metro stracolma, abbracciando teneramente il palo di sostegno. Costantemente in bilico, novella giocoliera della metro A, quasi crolla addosso ai vicini passeggeri, che fermata dopo fermata danno prova di grande autocontrollo e biblica pazienza.

A metà della lettura, il libro che tiene in mano implora un suo intervento: lascia allora il sostegno una volta per girare pagina, ma il mezzo infido la strattona, e qualcuno le ruba il posto sul palo. Lei non si dà per vinta e si appoggia più in alto, proprio mentre uno spazio le si crea accanto consentendole di voltarsi. Nel farlo, quasi sopprime una piccola signora dietro di lei, che occupa il posticino più in basso sul suo stesso palo. Indifferente alle umane vicende, non si scompone. Ora è tutta per lui: è una vita che ti aspetto di Fabio Volo.

2 commenti

  1. L’idea che qualcuno mi abbia visto a Milano in metro a leggere Volo non mi piace per nulla. Non dovreste fare la spia su certi libri, ecco. Uno ha il diritto di leggere anche cose… ecco… come Volo per esempio.

    ‘-)

  2. Ti rispondo così:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: