Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare [Roma]

SEPULVEDA_storia1Quando si dice, il libro perfetto nelle mani perfette. Completo blu, caschetto nero, ha una delicatezza involontaria che è cosa rara. Piena estate (nel trenino che corre da Flaminio verso quella zona di Roma dove coabitano in pace esseri umani, autobus e pecore), il libro fa capolino da una tasca: il pollice sostiene il manico di una grande borsa professionale; il resto delle dita, invece, forma una rete che nasconde e stropiccia un po’ i caratteri del titolo.
Lettrice dagli occhiali senza montatura è in piedi, per metà appigliata a uno dei manici dell’autobus e per metà sospinta giù dal peso di quella borsa serissima. La supremazia della forza di gravità è invertita, come se Lettrice fosse fatta di elio e la borsa rassicurasse tutti noi, compagni di viaggio, preoccupati che possa volare via. Se solo mollasse la presa. Sembra tutto volto a destare la minore attenzione possibile e proprio per questo non la si può non notare. Si alza prima di Sacrofano, e nel titolo del suo libro c’è una parola chiave, che la dice lunga su quel modo inconfondibile di avvicinarsi alla porta d’uscita: con la disinvoltura dei gatti, pur senza gli stivali riesce a farsi spazio tra le persone e a farsi volere bene da altrettante, credo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: