Tu sei il male [Roma]

tu sei il maleIl trenino Roma-Viterbo sa essere impietoso per gli umani, figuriamoci per gli animali. Inevitabile considerazione, se si osserva la bestiolina impaurita che oggi si accuccia tremante tra le gambe della signora assorta nella lettura del suo volume. Orecchie basse, implora carezze ristoratrici dalla sua postazione tutt’altro che privilegiata: il pavimento sporco e balzellante del mezzo.

La padrona asseconda l’animaletto senza abbandonare la lettura: la sua mano a mo’ di paletta plana così, ciecamente, sulla testa del cagnolino a intervalli regolari e con delicatezza pari a quella di una palla da demolizione. L’animale accetta le premure della padrona come può, fino a quando il trenino non frena bruscamente segnando l’arrivo al capolinea. La signora mette via il libro, il cui titolo sembra rappresentare degnamente il pensiero del cucciolo sul trenino: Tu sei il male di Roberto Costantini.

2 commenti

  1. Povere bestiole… Almeno il conforto di una carezza

    1. Che non provochi traumi supplementari, soprattutto🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: