BOOKSELFIE: Veronica Guerrini [Roma]

IMG_1102.JPGIl ronzio del traffico è veramente intollerabile. Quando l’autista apre le portiere del tram, quel rumore così fastidioso si incanala tra i sedili dello stretto vagone e si insinua nella testa della ragazza, la quale, immersa in un turbine caotico di pensieri, viene risvegliata bruscamente, come fosse stata travolta da una secchiata d’acqua fredda mentre dormiva tanto beatamente.
Ma di certo non si era assopita, niente affatto. Non era forse tanto presente, questo sì. D’altronde è difficile essere consci della realtà esterna quando un libro ti cattura totalmente e ti trasporta nel suo universo parallelo.
La ragazza girovaga leggiadra nel mondo onirico creato da “L’ombra di Vento” di Zafón, libro che ha letto già per ben due volte ma che non smette mai di affascinarla. La giovane è immobile, ipnotizzata e quasi non sembra respirare tanto è ferma. Intanto il tram, i passeggeri, i posti che si liberano e si riempiono, i finestrini appannati per via della pioggia esterna si tingono di una patina opaca, come quella che riveste i ricordi. Tutto ciò che circonda la ragazza pare essere uscito da un film o provenire da un sogno. Ma lei non si accorge di nulla, assolutamente no. Solo lo spettatore esterno, magari un passante che cammina protetto da un ombrello o un automobilista in sosta al semaforo vicino al tram, può percepire i contorni sfocati di ogni cosa, le chiome sbiadite degli alberi, i perimetri indefiniti degli oggetti ed i passeggeri in attesa alle fermate, avvolti in un manto invisibile mentre fluttuano nell’aria con naturalezza.
Il ronzio del traffico fino a quel momento rimane fuori dal vagone. Poi, come il suono della sveglia che arriva nel momento cruciale di un sogno, ecco che i clacson dei veicoli e i rombi delle motociclette rompono la magia, spezzano la trance, l’ipnosi.
La ragazza ha uno scatto, sussulta. Chiude il libro e guarda fuori, dove il sole splende alto nel cielo.

3 commenti

  1. No, non può essere, un osservatore occasionale non potrebbe mai sapere che tu quel libro l’hai letto già due volte! 😉

  2. […] Il ronzio del traffico è veramente intollerabile. Quando l’autista apre le portiere del tram, quel rumore così fastidioso si incanala tra i sedili dello stretto vagone e si insinua nella testa della ragazza, la quale… (Continua a leggere) […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: