Guida triste di Parigi [Vienna]

gtristeA colpirmi è la delicatezza con cui sfoglia le pagine e il colore che emana il suo sguardo. Sembra accarezzare la carta con i pollici e dedica particolare attenzione a qualche frase, parola, di tanto in tanto, accompagnandola con l’indice. I capelli le incorniciano simmetrici il viso rotondo e due folte sopracciglia sovrastano gli occhi, grandi e leggermente mandorlati. Occhi scuri che emanano una sfumatura blu tenue, di cielo coperto e di sole pallido. Racchiude nello sguardo il colore di Lima nei mesi invernali; nei capelli spessi è rimasto del vento, l’aria umida e calda del Pacifico. Le mancano quelle onde; le manca il sapore acidulo del ceviche fresco accompagnato da un calice di chica morada. Al voltare pagina, un sorriso e una carezza ancora. Legge in lingua originale Alfredo Bryce Echenique, Guida triste di Parigi.

2 commenti

  1. sembrerebbero fatti l’uno per l’altra, il libro e la lettrice.
    Mi sembrava di assoporare una pioggia in bianco e nero leggendo la descrizione, quel languore alla fine della decadenza in cui scivolare inspiegabilmente dentro a volte.

    1. Vienna nelle giornate coperte ha una luce strana, pallida e fastidiosa, che ti si appiccica facilmente addosso. Lei l’assecondava piuttosto che combatterla, quasi a dire alla malinconia “vieni, oggi ti faccio compagnia.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: