A sud del confine, a ovest del sole [TORINO]

712iJDuv+xL._SL1500_Sul treno per Milano c’è una ragazza sui vent’anni con cardigan nero sopra un vestitino anni ’70, collant rosso scuro e anfibi da cui spuntano pesanti calzettoni di lana nera. Passerebbe quasi inosservata, se sui lunghi capelli biondi non portasse un buffo cappello da uomo a tesa stretta, un po’ démodé. Tiene appoggiato in grembo un cellulare dalla cover rosa shocking, da cui spuntano gli auricolari che le finiscono nelle orecchie. Legge distrattamente una copia stropicciata di A sud del confine, a ovest del sole di Murakami Haruki. A giudicare dall’aspetto del libro, se lo porta dietro da parecchio tempo. Si distrae spesso, si guarda attorno, telefona, giocherella con il cellulare, sorride. Sul sedile accanto ha buttato una giacchetta chiara leggera e una borsa gialla e rossa.

Annunci

One comment

  1. Minimale senza sbavature. Ricorda Carver.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: