Ciò Che Inferno Non è [ROMA]

copertina ciò che infernoUn prelievo del sangue mi costringe ad una levataccia, così eccomi, assonnata e digiuna, sull’80 Express che di primo mattino attraversa Roma, direzione piazza Venezia. Fermata dopo fermata l’autobus si riempie come un uovo di studenti insonnoliti imbacuccati nei loro giubbotti: il loro mondo concentrato nello zaino che svogliatamente pende da una spalla. Più o meno tutti, seduti o in piedi, armeggiano con il cellulare o dalle cuffie ascoltano musica. Una studentessa minuta, lunghi capelli castani, viso acqua e sapone, si distingue dal luogo comune (come canta Vasco) e al posto del telefonino tiene tra le mani Ciò che inferno non è di Alessandro D’Avenia. Assorta, sfoglia il libro, pagina dopo pagina finché l’autobus non la lascia a destinazione davanti al Liceo Giulio Cesare.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: