The rise and fall of the great powers [Forlì]

GreatpowersNon è nulla di particolare, di non ancora visto o visto saltuariamente: lo studente sale sul treno pieno dell’ora di pranzo del venerdì e, senza nemmeno degnare di uno sguardo i posti a sedere, si va a posizionare dal lato opposto alla salita, appoggiato alle porte.
Non è nemmeno qualcosa di strano vedergli tirare fuori un libro e iniziare a leggerlo: sono gesti naturali e semplici; è il tutto il resto che fa un effetto particolare.
Il libro, tanto per iniziare, non è proprio quello di un lettore standard: The rise and fall of the great powers, di Paul Kennedy, in lingua originale; in seconda istanza poi, lo legge come fosse un libro di narrativa: nessuna matita per sottolineare e prendere appunti, pagine lette e quindi girate velocemente, libro tenuto piegato su se stesso.

Arrivato a Faenza, perlomeno, la situazione ritrova un minimo di normalità: lo studente, da vero pendolare concentrato, non alza gli occhi nemmeno per un attimo dal libro e continua la sua lettura fin troppo spensierata.

2 commenti

  1. Ma non è che faceva finta?🙂

    1. Se fingeva…fingeva molto bene!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: