Altre voci altre stanze [ROMA]

copertina CapoteNonostante l’ora di punta il vagone non straborda di persone anche se, ugualmente, non c’è un posto a sedere. Non mi avventuro dunque in mezzo ai passeggeri, ma mi fermo accanto all’entrata e con una mano vado all’immediata ricerca del sostegno che scorre in orizzontale lungo i sedili occupati mentre con l’altra tento di tenere aperto, non senza difficoltà, il libro con cui ho inaugurato l’inizio del 2015 e che qualche minuto prima stavo leggendo sulla banchina. Nel mantenermi in equilibrio mi guardo intorno e in mezzo a viaggiatori infreddoliti, stanchi o più semplicemente annoiati, scorgo un ragazzo tra i 30 e i 35 avvolto in un cappotto pied de poule e in una sciarpa nera che, da sotto una coppola che gli lascia a malapena scoperti gli occhi, è intento a leggere un libro dalla copertina dalle mille sfumature di grigio: Altre voci altre stanze di Truman Capote.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: