Il paradiso degli orchi [Milano]

UnknownSono le 8 pm e la metropolitana rossa milanese è stranamente vuota. Avrei l’imbarazzo della scelta su dove andare a sedermi, ma la curiosità mi fa scegliere un posto vicino all’unica persona nella carrozza.
La ragazza, sulla trentina, dai capelli ricci stile afro, il naso arcuato e un paio di grandi occhiali tondi, legge in francese, Il paradiso degli orchi di Daniel Pennac. Legge attentissima, senza notare la mia presenza; indisturbata scorre veloce le pagine di quel libricino e con il dito indice tiene il segno di ogni parola che incontra. Dopo qualche fermata, la carrozza inizia a riempirsi e la ragazza, senza distogliere l’attenzione si alza all’improvviso. Il libro è sempre tra le sue mani, la testa china sulle pagine e con una leggera indifferenza nei confronti di quello che le sta intorno, barcollando a destra e sinistra, raggiunge le porte della metropolitana: poi scende, perdendosi tra le persone sulla banchina di Cadorna.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: