Storia di un corpo [TORINO]

daniel pennac - storia di un corpoIl treno a Porta Susa si svuota e si riempie. Un ricambio di gente che porta me e il mio vicino a fare gruppo. A difendere quello che s’è conquistato con il sangue e il sudore… Due semplici sedili uno di fronte all’altro con nel mezzo l’enorme custodia di una grossa viola o un normale violoncello. Non sono io il musicista. A malapena riuscirei ancora a far fischiare il triste piffero di plastica che si suonava alla scuola media. Il musicista è il mio dirimpettaio. Un ragazzo sulla venticinquina, pantaloni in fustagno, camicia simil flanella a quadrettoni, giacca in corduroy con toppe sui gomiti e classiche Clarks ai piedi. Fingo di controllare la posta sul mio smartphone, ma in realtà sto cercando di capire cosa sta leggendo lo studente del conservatorio. Sembra però che il musicista non voglia darmi alcuna soddisfazione. Ha addirittura piegato il libro in modo da riuscire a leggerlo con una sola mano, mentre l’altra è occupata a bloccare l’enorme custodia. Solo quando cambia pagina, dispiega il volume, lo erge all’altezza del viso, e mostra cosa sta gustando. Storia di un corpo di Daniel Pennac. Soddisfatto, ripongo il telefono in tasca e attendo l’arrivo a Porta Nuova. Con me lascia il vagone anche il concertista. Il conservatorio è in Piazza Bodoni, non distante dalla stazione.

8 commenti

  1. L’unico libro di Pennac che mi ha annoiata

  2. La vita raccontata attraverso il corpo e i suoi cambiamenti.
    Ottimo racconto, la descrizione del ragazzo che nasconde il libro mi è abbastanza familiare.
    Bravo.

  3. ilaroma86 · · Rispondi

    Ben scritto…complimenti…

  4. Cristina · · Rispondi

    Un nuovo incontro, un altro corpo fra i tanti incontri del caso..perfetta l’immagine di una mano su cui avviluppare un libro e una mano che controlla la vita..

  5. Un bel commento, mi è piaciuto!

  6. In alcune occasioni bisogna fare branco e difendere il proprio spazio vitale con le unghie e con i denti. Non vedo l’ora di sentire i suoni degli strumenti uscire dalle finestre aperte del conservatorio. Bravo.

  7. Sei musicista come me: piffero delle medie o dai nonni come facevo da piccola. Sempre mi chiedevo cosa hanno i musicisti dentro le grandi custodie.
    Li osservo anch’io nei mezzi. Mi chiedo come facciano: custodia, zaino, borsa e …leggere.
    Grande racconto ;)!

  8. federico · · Rispondi

    il concertista risulta essere dolce.animo delicato.bravo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: