L’amica geniale [ROMA] 

imageÈ fisiologico avere le idee confuse di prima mattina. In particolare se, come ogni mattina, si è passeggeri della metro B1 sin dal capolinea di Jonio fino ad una fermata ignota. La lettrice che mi si siede di fronte deve trovarsi evidentemente preda di questi scombussolamenti. Estrae infatti il romanzo di Elena Ferrante, L’amica geniale, ma non è convinta se intraprendere o meno la lettura fin dal primo, indeciso, sguardo lanciato alla copertina. Si guarda intorno, come a studiare la situazione intorno a lei, sperando forse di trovare qualcosa di interessante da osservare e che possa essere il pretesto per rinunciare ad una lettura che sicuramente inizierà con pessimi propositi. Mentre girovaga con lo sguardo verso i lati del vagone chiude la chiusura lampo di una borsa arancione che tiene appoggiata sopra un trolley blu. Il trolley è protetto dalle sue gambe, la borsa dal suo petto. Finalmente si decide ad aprire il libro, girando le pagine su sé stesse e senza rimuovere segnalibri. Tentativo coraggioso, ma di breve durata. Apre nuovamente la chiusura lampo della borsa arancione e infila il romanzo al suo interno. Decide di lasciar perdere, ma magari lungo il tragitto potrebbe cambiare idea ancora una volta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: