Nessuno si salva da solo [ROMA] 

 L’atmosfera sulla metro B verso Rebibbia è piacevole questa mattina. Un musicista allieta il viaggio con il suo jazz, il sole penetra tra i finestrini e i passeggeri siedono composti, intenti a smanettare con il loro cellulare o a leggere un romanzo, come la signora che noto di fronte a me. Avrà una quarantina d’anni, capelli biondi e viso struccato, abbigliamento non ben riconoscibile perché tiene sulle gambe diversi effetti personali: la sua borsa, un sacchetto di plastica rigida e un cappello nero da passeggio che non sembra abbinarsi bene alle scarpe da ginnastica indossate ai piedi.
Lo sguardo è chino su di un libro che identifico con prontezza, vista la copertina ben nota. Si tratta del romanzo di Margaret Mazzantini, Nessuno si salva da solo, che la donna pare leggere con molto coinvolgimento. Tra le dita di una mano sporge un segnalibro con una fantasia a fiori, l’altra mano si intrufola invece in un borsellino dal quale estrae qualche moneta per il musicista, ancora intento a deliziarci il viaggio con la sua tromba.

4 commenti

  1. non le hai chiesto se le piaceva il libro?😉

    1. No, anche perché per prima cosa si sarebbe sentita osservata e inoltre non mi sedeva accanto ma di fronte, quindi il mio tono di voce avrebbe dovuto essere abbastanza alto per raggiungerla 😉

  2. […] L’atmosfera sulla metro B verso Rebibbia è piacevole questa mattina. Un musicista allieta il viaggio con (Continua a leggere…) […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: