Anime di vetro [Roma]

Ci sono giornate in cui la metropolitana B direzione Laurentina alla stazione di Tiburtina è inavvicinabile. Ci sono invece giornate in cui arriva stranamente mezza vuota, cosa che si traduce in un assalto al vagone da parte della folla di pendolari in attesa alla banchina. Una signora, lettrice indisturbata fino a quel momento di  Anime di Vetro di Maurizio di Giovanni, viene travolta senza che se ne renda conto. Schiacciata sul fondo del vagone, verso le portiere, alza lo sguardo indispettita ma dopo poco lo rivolge nuovamente al suo romanzo. Nonostante la scomoda posizione, continua a leggere decisa e gira su sé stessa la copertina del volume che sparisce alla mia vista. Riesco però ancora a scorgere qualche dettaglio su di lei.
Porta dei pantaloni grigi a sigaretta, piuttosto formali, una borsa, un giubbotto ed un maglione nero. È solo al momento della sua discesa alla fermata di Policlinico che adocchio il taglio a caschetto e il castano – tendente al rosso – dei capelli, guardandola allontanarsi alquanto in fretta verso l’uscita.

One comment

  1. Il lettore pendolare non molla mai il suo libro! 😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: