Archivio dell'autore: Francesco Foresta

Il guardiano del faro [Forlì]

Da fuori, sembra una tipica mamma, ma pendolare. Non ha nemmeno una bellezza particolare che rimane in risalto rispetto al resto: capelli ricci e corti rossi, dalle due alle tre borse appoggiate nel sedile vuoto accanto al suo e semplicissimi jeans e maglione addosso, con una leggera sciarpa di lana sopra. Appoggiato sul palmo aperto della […]

L’albero dei mille anni [Faenza]

Quando è freddo e la mattina arrivi al binario un quarto d’ora prima dell’arrivo (previsto) del treno, è strano trovare qualcuno seduto sulla gelida panchina in marmo, tanto più se questo qualcuno legge: quando è capitato poi, si ha sempre avuto a che fare sempre con qualcuno indeciso da quale parte stare: con i guanti di lana o […]

Fine Impero [Roma]

Il Frecciarossa Napoli Milano centrale ferma a Roma Termini e un’orda di viaggiatori sale di fretta, nemmeno fosse un regionale sul quale accaparrarsi il posto migliore; l’ultimo a salire sulla carrozza 11 è un uomo di circa trent’anni che con calma e pacatezza si sistema nell’ultimo posto libero che risulta quindi essere il suo: quello […]

Filosofia dell’arte [Napoli]

La si potrebbe definire una “viaggiatrice sbadata” che in questo caso particolare si tradurrebbe anche in “lettrice sbadata”; il treno è un Frecciarossa in partenza alle 15.10 per Milano Centrale, il binario è il 16 e lei è una bella donna sulla quarantina, in canottiera e jeans, piena alle braccia di bracciali tondi e più […]

Solea [Faenza]

Anche questa volta una lettrice, anche questa volta su un treno regionale serale che si fa da parte per far passare l’ennesimo Frecciarossa; in risalto non ci sono però solo i capelli corti castani e completamente arruffati o le occhiaie scavate, è soprattutto il modo in cui “legge” questo libro. No, non si tratta di una […]

Allegiant [Faenza]

Questa volta la lettrice non è illuminata dalla luce del giorno, nemmeno quella grigia di inizio novembre: è infatti sera e il treno è pieno di pendolari di ritorno a casa dopo anche più di dieci ore fuori. La signora è sui quaranta, scarpe alte azzurre, in gonna bianca a frou frou e una sgualcita […]

Outland Rock [Cesena]

Dei problemi dei “Treni ad alta frequentazione” ne abbiamo già parlato e nemmeno oggi la situazione è tanto rosea: gente ovunque che occupa indefinitamente ogni angolo possibile. In questo marasma di persone che potrebbe aiutarci a trovare l’anello mancante tra l’uomo e l’animale non evoluto, c’è un ragazzo biondo dall’aria nordica, con piccoli occhi neri ma sopratutto, dettaglio […]

Il sentiero dei nidi di ragno [Cesena]

Il treno è di quelli a due piani, meglio noto anche come treno ad alta frequentazione, ancor più noto come terrore dei pendolari: è un treno talmente ristretto negli spazi che, una volta seduti, si è fisicamente a contatto con le altre tre persone sedute lì vicino. Al piano di sopra, ristretta fra la restante fauna […]

Casa di bambola [Faenza]

Sarà che è mattina presto, sarà che è ottobre e sarà che c’è la nebbia, ma al binario 4, complici anche i treni merci in transito, il fresco oggi lo si sente tutto: dalle facce assonnate degli altri viaggiatori si nota infatti qualcuno percorso da brividi o semplicemente infreddolito, mentre aspetta un treno che fa […]

LM Stories #3

Il leggero ondeggiare della nave in questa magnifica giornata di sole può avere vari effetti: può fare ondeggiare anche il nostro stomaco, con conseguente stato di disagio gastrointestinale, può stimolare l’appetito dei viaggiatori o, come ogni mezzo di trasporto, con le dovute precauzioni può manifestarsi in una interessante voglia di leggere, anche per passare il tempo. La […]

Anna Karenina [Faenza]

La mattina è appena iniziata, ma si vede già che oggi la luce la farà da padrona e non saremo di nuovo sotto una cappa di nubi; sul treno anche le solite persone appaiono sotto una luce diversa e sembrano più rilassate e meno contrite del solito; una di queste per la prima volta la trovo […]

Advaita: anatomia del divino [Faenza]

In stazione capita di incontrare qualcuno che si conosce…magari direttamente al binario di fronte. Una ragazza al binario 4 infatti ha appena avvistato al binario 3 una amica, in partenza per Firenze che le racconta di stare partendo per Napoli, con scalo intermedio Roma; al sentire queste parole molti dei pendolari, alcuni ancora freschi di […]

Il tempo del Sole e della Luna [Faenza]

Se ne sta nel chiarore dei raggi solari della sala d’attesa della stazione: ai piedi un enorme borsone strapieno, le spalle grosse e le braccia larghe appoggiate ai due sedili adiacenti. E’ un ragazzo quello che sta occupando tre posti con la sua indubbia fisicità: capelli ricci e chiari arruffati, con felpa: “Taekwondo Torino” e un […]

Il bacio di Lampedusa [Cesena]

Di certo è un tipo sportivo: camicia leggera bianca infilata nel pantaloncino da calcetto, occhiali da sole lunghi e stretti e, come zaino, un sacchetto da scarpe sportive stracarico. Sul sedile si muove in continuazione (sarebbe meglio dire non sta mai fermo) mentre tra le mani tiene un libro aperto che legge avidamente, la cui scoperta del […]