Categoria Signori/e – Adults

La sirena [ROMA]

Siede sul consueto trenino diretto a Montebello, carica come uno sherpa nepalese. Sulle sue ginocchia campeggiano un sacchetto di tela e due borse, una delle quali mi provoca un certo straniamento: rosa e fucsia, pelosa, con un pupazzo sul davanti, mi pare difficilmente associabile alla donna che vedo di fronte a me. Mentre le lezioni […]

La forza della ragione [ROMA]

Faccio appena in tempo a saltare, letteralmente, dentro al vagone, che la metro si mette in moto. Sono le 8.30 del mattino e sono circondata da facce assonnate e corpi infagottati in sciarpe, berretti, piumini e cappotti. Butto l’occhio lungo il convoglio che si snoda come un serpentone lungo il percorso della metro B/B1 e […]

come il fiume che scorre

Come il fiume che scorre [ROMA]

Forse sono madre e figlia, le due donne che viaggiano con me oggi. Sedute entrambe in un vagone della metro A, una castana, l’altra bionda, a guardarle bene un po’ si somigliano.

La regola dell’equilibrio [ROMA]

Non godo di un punto di vista privilegiato nell’osservazione di questa lettrice. Siede lungo la mia stessa fila di posti, solo che c’è un’altra ragazza a frapporsi tra noi. Ah ecco, la ragazza sta scendendo. Forse riesco a scorgere qualcosa in più oltre alla copertina del libro… La lettrice sembra essere giovane, sulla trentina, è […]

L’ostinato scorrere del tempo [ROMA]

La settimana scorsa vi avevo raccontato della signora che sulla metro B leggeva seduta accanto al marito. Ebbene, mentre io e la signora eravamo impegnate nel nostro gioco di sguardi, il marito, appunto, non si era lasciato distogliere dalla lettura in cui a sua volta era assorto. Molto alto e stempiato, di corporatura solida, occhiali […]

Un indovino mi disse [ROMA]

La donna entra nel vagone della metro B1 a Conca d’Oro, rivolge lo sguardo ai sedili, tutti inesorabilmente occupati, e con un sospiro si rassegna alla prospettiva di un viaggio in piedi. Capelli biondi e sciolti, vestita con pantaloni ed un paio di ballerine scure, forse blu notte, di quelle con un minimo di tacco. […]

Il pranzo di Mosè [TORINO]

Il piccolo scompartimento è vuoto. Chissà se lo resterà per tutti i 15 minuti di viaggio che separano Torino Porta Nuova da Alpignano. Sento che la porta dietro di me si apre cigolando e sempre cigolando, dopo qualche secondo, sbatte rumorosamente. Mi passa accanto e una scia di dolcissimo profumo penetra le mie narici. La […]

Das Kapital im 21. Jahrhundert [FRANCOFORTE]

Nell’hub di Francoforte, non siamo in molti ad attendere l’apertura del gate che ci condurrà sull’aereo per Edimburgo. Due file di sedie, una di fronte all’altra, permettono a ognuno di noi di scrutare chi s’ha di fronte. Sguardi discreti e un po’ furtivi si alzano e si abbassano da tablet, smartphone, quotidiani, laptop, libri. Ci […]

Il Carezzevole [ROMA]

L’80 Express arriva alla fermata già pieno. Salendo riesco inaspettatamente a ritagliarmi un posticino accanto all’obliteratrice e a tirare fuori dallo zaino l’ultimo di Camilleri. Quella che pensavo fosse una fortuna si rivela ben presto una condanna: i passeggeri che man mano salgono sulla vettura e che non riescono ad andare oltre la soglia, per quanto […]

Premiata Ditta Sorelle Ficcadenti [Cesena]

La cosa bella del treno delle 17.09 è che parte poco lontano, più precisamente a Rimini; quindi, prima di riempirsi e diventare un carro bestiame rimane relativamente vuoto per alcune fermate. A Cesena infatti, i posti liberi tra cui scegliere, specie se in fondo al treno, sono molti, mentre a Forlì le carrozze già straripano. Salito […]

Verso Mauritius [ROMA]

Avrà trentacinque anni, un completo blu con camicia azzurra e delle scarpe marroni: dev’essere un pendolare di ritorno dal lavoro. Piccoli dettagli parlano per lui…

corsa verso il baratro

Corsa verso il baratro [ROMA]

La signora indossa occhiali fucsia e porta una coda di cavallo. Avrà almeno cinquant’anni, ma è vestita come se ne avesse la metà: pantaloni attillati, scarponcini neri con piccole borchie laterali, giubbotto di pelle nero. Legge con un interesse che quasi si trasforma in contrizione, quando soppesa il valore delle righe con occhi attenti e […]

Illusioni d’amore [ROMA]

È alquanto comico osservare una lettrice circondata da smartphonisti: mentre questi ultimi sono impegnati a giocare a Solitario, Candy Crush o navigare su Facebook dai loro schermi illuminati e di vari colori, la donna tiene tra la mani un libro che è invece quasi monocromatico. L’inchiostro nero risalta sulle pagine ingiallite e anche la copertina di […]

Le idi di marzo [ROMA]

La temperatura esterna è piuttosto rigida e i passeggeri entrano nel vagone tutti abbardati, con sciarpa, guanti, giubbotto pesante. Si sistemano nei posti a sedere, si spogliano o rimangono vestiti. Chi sembra non risentire del freddo al di là dei finestrini è una giovane donna con i capelli lisci ad altezza spalle, taglio a caschetto. […]