Categoria Viaggiatori – Travellers

Il tempo del Sole e della Luna [Faenza]

Se ne sta nel chiarore dei raggi solari della sala d’attesa della stazione: ai piedi un enorme borsone strapieno, le spalle grosse e le braccia larghe appoggiate ai due sedili adiacenti. E’ un ragazzo quello che sta occupando tre posti con la sua indubbia fisicità: capelli ricci e chiari arruffati, con felpa: “Taekwondo Torino” e un […]

Alexis o il trattato della lotta vana [MILANO-SION]

A ridosso della porta d’ingresso dell’Eurocity delle 8:25 per Sion, una ragazza fuma nervosamente. Deve fare in fretta perché dopo qualche secondo la partenza viene annunciata dal fischio del controllore. Mi siedo e tra le molte voci presenti in carrozza sento quella della fumatrice centometrista. Ha il posto di fianco al mio, lo spartiacque è […]

Il codice di Newton [Roma]

Una signora dai capelli corti sale sulla metro B e si posiziona accanto ad uno sostegni rossi, mantenendo l’equilibrio in piedi. Appena un posto di libera, si fionda ad occuparlo e rimane seduta per un po’ prima di decidersi ad aprire il libro. Va alla prima pagina e rimane fissa sul prologo di Il codice […]

Il bacio di Lampedusa [Cesena]

Di certo è un tipo sportivo: camicia leggera bianca infilata nel pantaloncino da calcetto, occhiali da sole lunghi e stretti e, come zaino, un sacchetto da scarpe sportive stracarico. Sul sedile si muove in continuazione (sarebbe meglio dire non sta mai fermo) mentre tra le mani tiene un libro aperto che legge avidamente, la cui scoperta del […]

FLATLANDIA [ROMA]

Primo pomeriggio. Linea B della metropolitana. Salgo sul vagone impaziente di tornare a casa e contenta di poter approfittare, ancora per qualche settimana, dell’orario lavorativo estivo, che mi regala qualche ora in più da poter dedicare a me stessa. Non appena prendo posto contro la parete, assisto ad una scena che in un primo momento […]

The bell jar [Venezia]

Due gambe lunghe e sottili custodiscono una valigia enorme, troppo pesante per raggiungere la mensola portabagagli. Uno chignon disordinato raccoglie i capelli lunghi con l’aiuto di qualche forcina colorata qua e là. Lei, di una bellezza nordica acqua e sapone, è in viaggio da ore. Lo dicono la sciarpa e la giacca buttati al suo fianco, decisamente fuori stagione, e lo zainetto in pelle tutto tasche da cui estrae, di tanto in tanto, qualche cartolina e beni di prima necessità: cellulare e acqua, …

The Readers Club: Un covo di vipere/Ma chi te lo fa fare [Faenza]

Questa volta il poco sole che entra dal finestrino illumina non uno, ma ben due lettori: uomini entrambi, uno sulla quarantina, senza capelli, con pizzetto bianco sottilissimo e uno sulla ventina, capelli corti a spazzola chiari e sorriso timido, che sembra quasi nascondersi dietro un paio di occhiali dalla montatura sottile; sono un figlio studente che […]

L’analfabeta che sapeva contare [Treviso]

La stranezza del titolo la si ritrova nella scelta degli abiti. Complice il tempo atmosferico che si dedica ai voltagabbana, la ragazza indossa un maglione di lana e degli shorts. Ha una giacca leggera appoggiata sopra il sedile vuoto alla sua destra, e un ombrello umido che gocciola per terra nel vagone del treno. Le scarpe […]

Gomorra [Faenza]

Il gruppo è il tipico gruppo di amiche trentenni che si prepara ad una giornata al mare, probabilmente Rimini o Riccione: il treno arriverà, come ogni mattina, al binario 4. Ridono e scherzano, prendono in giro in modo giocoso i figli che non sanno fare una lavatrice o che vivono perennemente incollati al telefono, portando […]

The brotherhood of Freemason Sisters [Forlì]

Una giovane ragazza sta parlando un po’ in inglese, un po’ in italiano con altre due ragazze (italiane) che le domandano della sua vita in Inghilterra, ascoltandola deliziate, probabilmente per il perfetto accento che noi italiani, a parte grossi sforzi e molto studio ci possiamo solo sognare. L’inglesina si scopre essere, oltre che una studentessa di […]

La danzatrice bambina [Cesena]

Il libro ha ancora l’etichetta della bancarella dalla quale è stato acquistato (un adesivo 2€ rosso che prende una buona porzione di copertina) e giurerei che abbia ancora la sabbia tra le pagine: La danzatrice bambina di Anthony Flacco. Il treno (un Vivalto in cui si sta strettissimi, con aria condizionata spenta) è stipato di […]

Quer pasticciaccio brutto de via Merulana [Faenza]

Lo sguardo è penetrante e colmo di disprezzo, il naso aquilino comporta ancora più serietà: la signora cinquantenne coi capelli di un leggero biondo tinto mi sta guardando male, forse ha scoperto il mio tentativo di bookwatching; in tutto questo, non ci sono nemmeno riuscito, un po’ perchè lontana due file, un po’ perchè ora lo tiene più nascosto […]

BOOKSELFIE: Caldato Christian [Treviso]

Lo incontrai in treno, nel tragitto destinato a portarlo a Belgrado. Viaggiava nei luoghi più disparati della terra, alla ricerca di capire gli errori commessi nel tempo. In quel viaggio si celava il desiderio recondito di comprendere come benessere e felicità si fossero separati, nonostante la gente continuasse a comportarsi come se ancora formassero una […]

SCUOLA DI FANTASIA [ROMA]

Riemergiamo quasi contemporaneamente dagli innumerevoli strati sotterranei di scale mobili della metro B1 e ci ritroviamo vicini anche sulla banchina, in attesa dell’autobus. A prima vista la sua figura mi ricorda quella di un funzionario qualunque: mocassini, pantaloni blu, camicia azzurra e un borsello a tracolla. Cinquant’anni circa, stempiato, legge attento da dietro un paio […]