Categoria Sorrisi

La leggenda del santo bevitore [Forlì]

Incontri così ti possono cambiare la vita: di una bellezza acqua e sapone, lei e i suoi grandi occhi seguono le righe de La leggenda del santo bevitore di Joseph Roth con attenzione e molto interesse.
Con una ciocca di capelli che ogni tanto sale sopra la montatura degli occhiali tondi e che sposta con delicatezza come fosse l’ennesima pagina da girare, legge come se facesse parte di un piccolo ecosistema in cui è presente solo lei e dove le leggi fisiche perdono d’importanza, mentre tutto lì attorno sembra sospeso …

I love shopping [MILANO]

Penultima settimana di agosto. Milano è quasi deserta ed io ho la sensazione di essere in ritardo, come se i trenta minuti di anticipo sull’inizio della riunione sembrano non contare. Mi accingo a fermare il bus, ma la ragazza seduta sotto la pensilina mi precede. Il pullman si arresta e mi scosto per lasciarle la […]

Ars attack [Torino]

Nonostante si tenti sempre di non cadere negli stereotipi dell’apparenza, capita alle volte di finirci, inaspettatamente. Spesso é proprio con un sorriso che ne usciamo, con altrettanta sorpresa. Torino, fermata metro Principi d’Acaja: attraversa le doppie porte di vetro con un’andatura lenta e delicata; il busto leggermente piegato in avanti dall’età, una folta chioma canuta perfettamente ordinata, fresca di lacca e messa ….

Alchimista – [Treviso]

Profuma di Messico e non di messicano. La pelle ha una tinta tendente all’olivastro e lunghi capelli ricci ondeggiano come un’altalena sopra le pagine del libri di Coelho. Il libro è un fedele compagno, ma non è l’unico, e in quanto tale gli viene dedicata solo una parte del tempo del viaggio. Legge, ride, chiacchiera […]

Bookselfie: Francesco Foresta [Faenza]

Sale sul regionale per Rimini un po’ affannato e si abbandona al primo sedile libero che trova, dopo aver travolto signori sudati, signore agghindate come alberi di Natale e ragazzini pronti per andare in spiaggia. Dallo zaino sovraccarico tira fuori un paio di occhiali da lettura blu e un libro dal bordo azzurro: è Norwegian Wood […]

Fiore di poesia [Treviso]

Si presenta in jeans, maglietta bianca in lycra (sicuro?! So davvero cos’è la lycra?!Lo controllerò 2 minuti più tardi…) e un libro einaudi che mi è concesso di vedere solo in quarta di copertina. Mi sembra sia una piccola violazione della mia curiosità. Sorride ed attende che il treno parta per iniziare a leggere. L’espressione […]

L’amica geniale [Roma]

Ora di punta, metro “Castro Pretorio”: il treno si ferma e tra i passeggeri che salgono c’è una giovane donna, con i capelli scarmigliati per la pioggia ed un non so che di malinconico in fondo allo sguardo. E’ molto magra, di una magrezza innaturale, conseguenza, forse, di un periodo difficile della vita. Indossa pantaloni […]

1Q84 [Treviso]

  Inciampa nel marasma di persone, nel tentativo di ricavarsi uno spazio tra i gradini che portano alla prima classe. Il suo comportamento goffo e incerto svela indizi sull’età. Non supera i vent’anni. Probabilmente diciotto. Tiene stretta a sé un libro che diventa troppo grande tra le sue mani. Si accomoda, in uno spazio angusto […]

22/11/63 [Forlì]

Appena il treno ferma e le porte si spalancano, si sente subito una musica abbastanza forte provenire dall’esterno e che, pian piano, si fa sempre più forte. Arriva infatti un ragazzo ben piazzato, con un paio di auricolari ad un volume talmente alto da far sembrare il treno che riparte a scatti un leggero sibilo; sistema nel portabagagli la sua chitarra senza custodia, sorride alla signora che lo guarda sconvolta e prende dal suo zaino un paio di occhiali bianchi e…

Le luci nelle case degli altri [Forlì]

Una ragazza dagli occhi attenti e curiosi passa metà viaggio a spostarsi i ricci biondi che le oscurano la vista della fauna del treno del lunedì mattina; quando poi se ne stanca, tira fuori Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale, lo piega a metà e inizia a leggere, grattandosi il collo ogni tanto con il segnalibro a forma di piuma che non sapeva dove appoggiare.

Ballando nudi nel campo della mente [Ferrara]

Un cinquantenne dal folto pizzetto che ha tutta l’aria di essere un professore, è seduto sulla panchina di marmo al binario 4 in attesa del treno per Bologna. Dal taschino della camicia rosa tira fuori un paio di occhiali da lettura dalla montatura sottile e recupera dalla tasca anteriore della valigia Ballando nudi nel campo […]

Ho il tuo numero [Londra]

Londra, Waterloo stazione. Accanto a me, sulla banchina del treno delle 10 e 7 minuti, una ragazza sulla ventina, capelli corti a spazzola nerissimi e uno zaino da viaggio sulle spalle, legge divertita: Ho il tuo numero di Sophie Kinsella. Quando il treno arriva, la ragazza senza alzare lo sguardo dal libro entra nel vagone, […]

Pagineviaggianti [Roma]

C’era un violoncello e un violoncellista. Arrivo alle 16,00, approdo a Cipro, è il 23 Aprile 2014. Sento una voce che parla più forte delle altre, “non possiamo più prendere libri, mi dispiace!” Testi universitari, libri per ragazzi, enciclopedie, pezzi di enciclopedie, romanzi, libri di cucina. Non resisto di fronte a Pattini d’argento. Chi mai […]

Cassandra [Milano]

E’ domenica, fa quasi troppo caldo per essere una serata primaverile. In un vagone centrale della linea rossa si accalcano mamme stanche ma sorridenti, bambini in maniche corte, coppie più o meno giovani. Seduto con le gambe accavallate, un maglione buttato sulle spalle e una camicia a scacchi, un uomo sulla quarantina parla al telefono. […]