Categoria metro – tube

Una piccola libreria a Parigi [ROMA]

 Le 15.30 di un giorno rovente non sono evidentemente le ore di punta per la metropolitana. Arrivato a conca d’oro, il treno della metro B1 si presenta semivuoto, come se non avesse caricato nessun passeggero al capolinea di Jonio. Intravedo dal finestrino una testa china in avanti ed il mio istinto mi dice che si […]

Introduzione alla PNL [ROMA]

Il caldo di questi giorni impone di uscire sbracciati anche la mattina. La ragazza appoggiata alla parete ed in attesa, come tutti, della metro B1 a piazzale Jonio, indossa infatti una camicia senza maniche di colore chiaro. Scendendo dalle scale mobili e notando l’assenza del treno sul binario, si ferma in una posizione arretrata, posa […]

Niente di vero tranne gli occhi [ROMA]

 La metro B1 di Roma ha cambiato da poco capolinea, ma continua ad essere assiduamente frequentata nelle ore di punta. Relegata ad un angoletto ed appoggiata ad una parete imbrattata del vagone, una ragazza molto giovane, sui vent’anni,  con una grande borsa verde ed una maglia dal gusto hawaiano è assorta nella lettura del romanzo […]

LM Amarcord: Battle Royale [Roma, novembre 2010]

Libro: Battle Royale di Koushun Takami. Lettore: uomo, forse 35 anni. Cravatta rossa e giacca verde di velluto. Occhi marroni accesissimi che attraversavano le lenti doppie degli occhiali con montatura spessa. Ascoltava musica attraverso un lettore mp3 e canticchiava a bassissima voce. Ma io che ero vicina a lui, e che sapevo a memoria il […]

Atti osceni in luogo privato [ROMA]

La velocità di crociera della metro B partita da Conca d’Oro è particolarmente elevata oggi. I muri delle stazioni sfrecciano via dietro i finestrini ed in breve tempo il treno raggiunge la fermata di Bologna. É qui che inizio ad osservare un ragazzo assorto nella lettura di Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli. […]

La mia vita disegnata male [ROMA]

Di fumetti si parla, stavolta. Media statura, sufficientemente grande da essere apparecchiato sulle ginocchia, orizzontale, senza dare fastidio. Sufficientemente tenuto distante da consentire l’approdo di almeno un paio di paia di occhiali. I primi sono fedelissimi alla linea; i secondi (colorati il giusto) sono quelli di Lettore, che mi siede accanto e  proprio non riesce […]

Zero, zero, zero [ROMA]

Il ragazzo è talmente immobile che si confonderebbe con i sostegni della metro, se non fosse per il cappello stile coppola che gli copre la testa rasata e la borsa a tracolla poggiata a terra fra i piedi.

La guerra delle rose [ROMA]

La signora è un perfetto esempio di pendant cromatico: la borsa shopping rossa da cui si affacciano due sinuosi gatti a pois si combina con le scarpe rosse su calze blu, a loro volta dirette parenti di una vistosa collana azzurra.

Sentire [ROMA]

Non credo che gli occhiali da sole indossati dalla lettrice fossero quelli idonei alla visione dell’eclissi solare, ma sembrano senza dubbio molto coprenti, scuri e dalle lenti ampie. I capelli biondi e raccolti le conferiscono un’aria molto composta, suggerita anche dalla matita rossa che usa di tanto in tanto per appuntare qualcosa sul libro tra […]

LM D’Autore: Aden Arabia [PAOLO DI PAOLO]

Ho la malattia di guardare i libri che le persone leggono: in autobus, in treno, in aereo, in metropolitana. Sui mezzi di trasporto e sulle panchine. Libri di carta, per forza. Mi sorprendo quando sono libri eccentrici, fuori dalle classifiche dei bestseller più prevedibili. Non per snobismo, ma perché allora scatta una curiosità feroce di […]

Storia di un corpo [TORINO]

Il treno a Porta Susa si svuota e si riempie. Un ricambio di gente che porta me e il mio vicino a fare gruppo. A difendere quello che s’è conquistato con il sangue e il sudore… Due semplici sedili uno di fronte all’altro con nel mezzo l’enorme custodia di una grossa viola o un normale […]

Cinquanta sfumature di grigio [TORINO]

Ebbene sì, c’è anche lui. Del resto, noi di Libri in Metro siamo persone democratiche: rispetto e discrezione per i lettori, certo, e nessuna discriminazione sulle letture. Per scovare un titolo siamo disposti a saltare una fermata, a fingere di allacciarci le scarpe, a metterci gli occhiali da sole in galleria. Alcuni, i più bravi, riescono anche a diventare invisibili. Non […]

Un vulcano silenzioso, la vita [ROMA]

C’è un ragazzo che sembra un ragazzo devoto, dall’abbigliamento che sa di pulito e un libro piccino in mano. La prima cosa che faccio, in questo Lunedì con il posto a sedere, è cercare se al collo compaia una strisciolina di stoffa bianca e devozione: non c’è. C’è un basco da signore anziano e quei nostalgici […]

Il giorno più felice della mia vita [TORINO]

Entra in metropolitana mangiando e sempre mangiando si aggrappa alla sbarra orizzontale sopra le nostre teste. A Porta Nuova il vagone si libera un poco e resta vuoto proprio il posto sotto i suoi occhi. Lascia la presa e si accomoda, sempre mangiando. Dalla tracolla tira fuori Il giorno più felice della mia vita di […]