Tag Archives: bestseller

tip tap

A storm of swords [ROMA]

Questo è un ricordo datato, all’imperfetto più che al passato remoto, sobbalzato in memoria senza preavviso. E’ un po’ come la madeleine di quel Signore francese, anche se l’organo di senso coinvolto è l’udito. Accade dopo aver visto ballare tip tap, qualche giorno fa. La connessione ha viaggiato alla velocità della luce, fino al protagonista, […]

2

The Readers Club: I fiumi della guerra/Ogni cosa è illuminata [Faenza]

Mi sono sempre piaciute le contraddizioni: tutte quelle cose completamente diverse che convivono. Il treno non poteva naturalmente esimersi dall’ospitarne alcune, proprio come quando due studentesse, entrate nel vagone da porte diverse, sono finite sedute vicine. La prima ragazza: mora, faccia dai tratti spigolosi, occhiali da vista Max Mara, seduta davanti a due amici; la seconda ragazza: […]

copertina Traditori Alta

Traditori [ROMA]

Inaspettatamente la metro arriva semivuota alla fermata Castro Pretorio. Mi siedo e, libro alla mano, mi appresto a lasciarmi alle spalle la giornata odierna. Alla fermata successiva sale sul vagone un ragazzo che si posiziona accanto a me, in piedi, con le spalle alla parete che separa un vagone dall’altro. Sui vent’anni, zazzera bionda, caban […]

manu

The Readers Club: Pastorale americana/ Fiducia e sfiducia [PADOVA-ROMA]

Sarebbe più corretto dire di cosa non si è parlato, in queste tre ore e diciassette di viaggio.  Eppure, due libri c’erano. Solo che sono rimasti sulle ginocchia di ognuno, come due segnaposto, diventando spettatori effettivi. Fissavano due, sconosciuti. Di ritorno da due, esami importanti (in due, diverse città) (ma diretti nella stessa). Difficile descrivere uno […]

inferno_copertina

Inferno [Cesena]

Potremmo definirlo “Viaggiatore essenziale” se non fosse per il grosso borsone nella rastrelliera sopra di noi; potremmo forse dirgli che la definizione “Libro tascabile” non deve per forza significare che il libro sia di dimensioni talmente contenute da lasciarle libere di mantenere altri oggetti come portafoglio, chiavi, cellulare; potremmo anche sorridere della difficoltà di ricordarsi l’ultima […]

1555sfd

Allegiant [Faenza]

Questa volta la lettrice non è illuminata dalla luce del giorno, nemmeno quella grigia di inizio novembre: è infatti sera e il treno è pieno di pendolari di ritorno a casa dopo anche più di dieci ore fuori. La signora è sui quaranta, scarpe alte azzurre, in gonna bianca a frou frou e una sgualcita […]

La luna e i falò [Torino]

coverHa sui 16-17 anni, è stravaccato su un sedile del pullman con lo zaino tra le gambe e la testa appoggiata al finestrino, e con una mano si regge stancamente davanti agli occhi un libro arrotolato su se stesso. La maglietta bianca e i pantaloncini parlano ancora d’estate, e infatti il libro si rivela evidentemente…

pulp

Pulp [Torino]

Il treno è fermo nella stazione di Porta Nuova quando la Polfer passa a dare un’occhiata nel vagone ancora semivuoto. Si fermano accanto a un ragazzo sui venticinque anni, testa rasata e barba lunga, piercing vari e pantaloni larghi, che siede leggermente scomposto e tiene tra le mani Pulp di Charles Bukowski. Gli chiedono i documenti…

le_luci_nelle_case_degli_altri[1]

Le luci nelle case degli altri [Forlì]

Una ragazza dagli occhi attenti e curiosi passa metà viaggio a spostarsi i ricci biondi che le oscurano la vista della fauna del treno del lunedì mattina; quando poi se ne stanca, tira fuori Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale, lo piega a metà e inizia a leggere, grattandosi il collo ogni tanto con il segnalibro a forma di piuma che non sapeva dove appoggiare.

Copertina_LaCittaDella Gioia

La città della gioia [Roma]

Non appena scorgo la copertina del libro nel vagone affollato, non posso fare a meno di ripensare all’intensità di quella lettura ed al film che ne era stato tratto e che, una volta tanto, tentava d’essere fedele alla fonte originaria. Il libro in questione è La città della gioia di Dominique Lapierre: è un’edizione economica, […]

Il linguaggio segreto dei fiori [Forlì]

All’arrivo del treno a Forlì la prima cosa che colpisce nell’apertura della porta è la pettinatura, un crocchio alto di capelli neri che svetta, per poi passare all’acidulo profumo dolce che investe il piccolo vagone, notando infine gli stivali alti grigi, il trucco pesante e il chewing gum masticato con forza e rumore. In pochi […]

Cinquanta sfumature di rosso [Faenza]

Una ragazza dai lunghi orecchini pendenti bianchi sta leggendo la versione economica di uno dei best seller dell’anno scorso, Cinquanta sfumature di rosso, senza lasciar trasparire alcuna emozione. Nel frattempo tre signore sulla sessantina, ben tenute, camminano avanti e indietro per la stazione in attesa del treno per Firenze, buttando spesso un occhio alla lettrice, […]

L’uragano di un batter d’ali [Forlì]

Una ragazzina con molto trucco sul viso e con addosso una maglia molto scollata che attrae lo sguardo di un paio di coetanei, legge con uno sguardo freddo e allo stesso tempo interessato L’uragano di un batter d’ali di Sara Tessa, arcuando le labbra ogni tanto come a voler ripetere alcune parole lette. Nonostante i […]

I figli della mezzanotte [Vienna]

Karlsplatz. La metro rallenta entrando in stazione, e io lo noto attraverso i vetri ancor prima di salire. Entro rapidamente e mi siedo davanti a lui. Trench verde militare con cintura annodata in vita; jeans largo raccolto in un paio di Dr. Martens perfettamente allacciati. Un lungo ciuffo castano fuoriesce dal cappuccio alzato della felpa. Siede […]