Archivi tag: ecomomici

Memorie di Adriano [Faenza]

Uno degli effetti collaterali del pendolarismo è associare il volto di una persona conosciuta ad un altro pendolare visto tutte le mattine; il problema è che spesso successivamente ci si pone la domanda “Ma chi mi ricorda?”. La sosia è una lettrice che incontro molte mattine sul binario, in attesa del mio stesso treno: tra […]

Bookselfie: Francesco Foresta [Faenza]

Sale sul regionale per Rimini un po’ affannato e si abbandona al primo sedile libero che trova, dopo aver travolto signori sudati, signore agghindate come alberi di Natale e ragazzini pronti per andare in spiaggia. Dallo zaino sovraccarico tira fuori un paio di occhiali da lettura blu e un libro dal bordo azzurro: è Norwegian Wood […]

ENG: Siddharta [Faenza, IT]

A girl is crouching and leaning against the 3rd platform’s column, far away from all the students and employees who are waiting the train to Bologna; she wears a blue skirt, a leather jacket and black boots. A hot wind blows, trailing with it some sand, a red impalpable sand that comes from the Sahara…

Pulp [Torino]

Il treno è fermo nella stazione di Porta Nuova quando la Polfer passa a dare un’occhiata nel vagone ancora semivuoto. Si fermano accanto a un ragazzo sui venticinque anni, testa rasata e barba lunga, piercing vari e pantaloni larghi, che siede leggermente scomposto e tiene tra le mani Pulp di Charles Bukowski. Gli chiedono i documenti…

22/11/63 [Forlì]

Appena il treno ferma e le porte si spalancano, si sente subito una musica abbastanza forte provenire dall’esterno e che, pian piano, si fa sempre più forte. Arriva infatti un ragazzo ben piazzato, con un paio di auricolari ad un volume talmente alto da far sembrare il treno che riparte a scatti un leggero sibilo; sistema nel portabagagli la sua chitarra senza custodia, sorride alla signora che lo guarda sconvolta e prende dal suo zaino un paio di occhiali bianchi e…

Le luci nelle case degli altri [Forlì]

Una ragazza dagli occhi attenti e curiosi passa metà viaggio a spostarsi i ricci biondi che le oscurano la vista della fauna del treno del lunedì mattina; quando poi se ne stanca, tira fuori Le luci nelle case degli altri di Chiara Gamberale, lo piega a metà e inizia a leggere, grattandosi il collo ogni tanto con il segnalibro a forma di piuma che non sapeva dove appoggiare.

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte [Alessandria]

Un ragazzo giovane, con i jeans chiari e una felpa grigia col cappuccio aperta su una maglietta gialla, da quando sale sul treno ad Alessandria non stacca mai gli occhi dal libro che sta leggendo, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, di Mark Haddon. Tiene il segno della riga a cui è arrivato […]

Il giovane Holden [Imola]

Un ragazzino in completo militare sgualcito legge con bocca semiaperta Il giovane Holden sul treno che va a Bologna; guarda molto spesso fuori, impaziente di arrivare, mentre la lettura procede lentamente.

Il ritratto di Dorian Gray [Faenza]

Pantaloni neri strettissimi, scarpe di tela rosse, piercing al naso, capelli neri con meches rosse. I dettagli sembrano quasi inutili in questa ragazzina che sembra la copia di molte altre della sua età; ciò che però la distingue e che alla fine rimane di lei è il libro che sta leggendo, Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde […]

La città della gioia [Roma]

Non appena scorgo la copertina del libro nel vagone affollato, non posso fare a meno di ripensare all’intensità di quella lettura ed al film che ne era stato tratto e che, una volta tanto, tentava d’essere fedele alla fonte originaria. Il libro in questione è La città della gioia di Dominique Lapierre: è un’edizione economica, […]

Siddharta [Faenza]

Se ne sta accovacciata tenendo la schiena dritta sulla colonna del binario 3, lontana dalla massa di studenti e lavoratori che aspettano il treno per Bologna, in gonna blu, giacca di pelle e scarponcini neri. Tira un vento forte, vento caldo, vento di Sahara che porta con sè sabbiolina rossa quasi impalpabile, ma lei se […]

Il passato è una terra straniera [Roma]

Dopo una settimana intera chiusa tra le mura di casa, sopraffatta dall’influenza, senza appuntamenti né orari da rispettare, se non quelli dettati dall’assunzione delle medicine, non è stato facile riprendere i ritmi quotidiani. A parte la sveglia, il traffico dell’ora di punta e le centinaia di e-mail ad attendermi, è stato piacevole riappropriarmi dello spazio […]

Il lamento del bradipo [Roma]

Tra i 30 e i 40, scarpe lucide, gessato blu, cravatta viola. Si è accorto che lo fisso ed è infastidito. Fingo di guardare da un’altra parte, ma poi torno sul suo libro, nella speranza che sollevi un po’ di più la copertina ed io possa vedere finalmente cosa sta leggendo. La “sfida” va avanti […]

Il linguaggio segreto dei fiori [Forlì]

All’arrivo del treno a Forlì la prima cosa che colpisce nell’apertura della porta è la pettinatura, un crocchio alto di capelli neri che svetta, per poi passare all’acidulo profumo dolce che investe il piccolo vagone, notando infine gli stivali alti grigi, il trucco pesante e il chewing gum masticato con forza e rumore. In pochi […]