Tag Archives: guida

cuba

Cuba Libre [ROMA-JESI]

Fermare uno stato di agitazione interna nella figura rassicurante, e fissa, di chi si ha di fronte. Mai provato? Non funziona con tutti. Quando treno e cuore viaggiano alla stessa velocità, qualcuno ci regala un segnalibro in carne e ossa. Lettore dall’ assetto e aspetto anni settanta, gli occhi piccoli di chi, oltre alla montatura giallo ocra pallido, lascia il sospetto […]

Italians [Faenza]

A testa bassa, entra in stazione leggendo una donna nascosta dietro a un grosso paio di occhiali da sole. Senza guardarsi attorno mentre cammina, la sua lettura di Italians di Beppe Severgnini procede senza separare mai occhi e libro; poi, superate scale e sottopasso, arriva al suo binario con tranquillità, sempre leggendo e dimostrando di […]

Cyberpunk e splatterpunk. Guida a due culture di fine millennio

Libro: Cyberpunk e splatterpunk. Guida a due culture di fine millennio, di Fabio Giovannini. Lettrice: Donna, sui 27 anni. Non indossava la gonna, senza un filo di trucco, niente tacchi, niente libro romantico… ma questa lettrice era l’immagine della femminilità. Aveva capelli neri, legati, con un ciuffo ribelle riccioloso che le scendeva lungo il viso. […]

Il Giapponese Senza Sforzo, Volume 1

Libro: Il Giapponese Senza Sforzo Volume 1. Lettore: uomo sui 45 anni. Avvolto in una giacca di pelle chiara con risvolti di pelliccetta, dall’aspetto molto calda. Calzava scarpe da trekking e sul naso aveva occhiali tondi e piccoli. Il libro era appoggiato sullo zaino che a sua volta era sulle ginocchia. Era quasi alla fine […]

L’impero dei numeri

Libro: L’impero dei numeri, di Denis Guedj. Lettore: uomo sui 30 anni. Capelli ricci castani un po’ lunghi. Aveva occhi azzurri e barba folta e scura. Sulla giacca di tessuto tipo militare due piccole pins con raffigurate biciclette stilizzate (forse fan del critical mass?). All’anulare una fedina d’argento.

Sicilia

Libro: Sicilia di Lonely Planet. Lettrice: donna, sui 35 anni, con capelli lunghi lisci castani chiari. A differenza delle compagne di viaggio indossava pantaloni lunghi e scarpe chiuse nonostante il caldo del vagone. Non si sorreggeva a nessun sostegno, ma stava in equilibrio con le gambe divaricate. Nota: aveva un zaino nero portato sul davanti. […]