Archivi tag: Vienna

Il mondo a piedi [MILANO CENTRALE-VIENNA]

Immaginate tre amiche del cuore in uno scompartimento. Il treno è il notturno da Milano Centrale a Vienna Hauptbahnhof; le ore di viaggio, circa 11. C’è anche un compleanno. Una delle tre vive a Vienna da qualche mese: è al secondo semestre di Comunicazione Interculturale; si trova bene, le piace molto lo studentato e ha […]

The girl who played with fire [VIENNA]

Metro U4, mezzodì. Cappuccetto nero oltrepassa le porte d’entrata con leggerezza, ruota di centottanta gradi su se stessa e si infila nell’angolo tra le porte e lo schienale dei primi sedili, dando le spalle al resto dei passeggeri. Una treccia lunga e disordinata fuoriesce dal cappuccio; un elastico blu cerca di domare, rassegnato, i ricci che scappano dal groviglio corvino. Di nero ci sono anche i jeans, gli stivaletti e una piccola borsa che pende dall’incavo tra il collo e la clavicola. L’entrata …

Wiener Blut [VIENNA]

Un vecchio libretto sottile tra le mani di un grosso uomo di mezza età. All’apparenza non sembrano spartire molto, i due, eppure non è la taglia né l’età ad accomunarli ma un’anacronistica eleganza. Piegato su se stesso con il baricentro spostato in avanti, il nostro Penseur poggia il gomito destro sulla gamba sinistra, vicino al ginocchio, mentre la …

Guida triste di Parigi [Vienna]

A colpirmi è la delicatezza con cui sfoglia le pagine e il colore che emana il suo sguardo. Sembra accarezzare la carta con i pollici e dedica particolare attenzione a qualche frase, parola, di tanto in tanto, accompagnandola con l’indice. I capelli le incorniciano simmetrici il viso rotondo e due folte sopracciglia sovrastano gli occhi, grandi e leggermente mandorlati. Occhi scuri che emanano una sfumatura blu tenue, di cielo coperto e di sole pallido. Racchiude nello sguardo il colore di Lima nei mesi invernali; nei capelli spessi è rimasto del vento, …

Imperium [Vienna]

La prima volta che sentii nominare Kapuscinski feci difficoltà a ricordarne il nome; me lo consigliò qualche anno fa un’amica con la passione per il reportage e la cronaca storica. Nemmeno lei si ricordò da subito l’autore e mi lasciò un titolo, Imperium. Un titolo conciso e piuttosto sicuro di sé, che il ragazzo in piedi a fondo tram regge tra le mani con sufficiente fermezza. I piedi, più titubanti, …

Mistborn: The well of ascension [Vienna]

Siamo a fine giornata e il tram 33 è pieno. Le porte si aprono e lui sale per primo. É visibilmente irritato: piove ininterrottamente da stamattina e l’aria è umida e caldiccia. Come biasimarlo. Qualcosa dev’essere andato storto oggi: forse il sovraccarico prefestivo in ufficio, forse la spossatezza da routine urbana e la voglia di uscire dal grigiume metropolitano. Magari vorrebbe solamente arrivare al divano di casa. Si abbandona al sedile e lascia cadere sciattamente la ventiquattrore sul pavimento bagnato …

BOOKSELFIE: KHALIMERA [VIENNA]

Pilgramgasse, quinto distretto. Una ragazza sbuca dall’angolo dietro la fermata; lancia uno sguardo al numero dell’autobus in partenza e un rapido cenno all’autista che le apre la porta. Non sempre le viene riservata questa gentilezza, ma il semaforo rosso le da una mano stamattina. Attraversa tutto il veicolo fino a trovare posto sul fondo e sospira una volta seduta. Da quando si è trasferita a Vienna si sforza d’esser puntuale per non dover affrontare sguardi di disappunto. Con qualche affanno alle volte, ma ce la fa. L’arte di essere in movimento …

Donne che corrono coi lupi [Vienna]

Donne che corrono coi lupi é una di quelle letture che ci si dovrebbe passare tra amiche, tra madre e figlia, da sorella a sorella. Sorelle di anima, sorelle di sangue, poco importa. Clarissa Pinkola Estés ha creato una guida, un viaggio nel femminile che ci unisce tutte quante nel nostro essere donne. É un […]

Berlin Blues [Vienna]

Wien Meidling, Euro Night 234 da Monaco a Roma Termini. L’unico treno in ritardo ha destinazione Italia. Inizio a fissare con astio il tabellone e quei 30′ che presto raddoppieranno, finché un paio di leggings a fantasia arancione arrivano a sollevarmi l’umore. La ragazza posa una valigetta rigida retrò e si siede al mio fianco. […]

Aspettando Godot [Vienna]

Due stivaletti blu salgono i gradini del tram. Si fanno spazio tra il muro di passeggeri, e a piccoli passi conquistano una superficie all’estremità opposta. Si cala uno zainetto tra le gambe. Una sciarpa paglierina tocca il pavimento e un guanto in pelle la spinge rapida verso l’alto. Estrae un libricino dallo zaino. Gli stivaletti […]

Lessico famigliare [Vienna]

La ragazza estrae dallo zainetto un libro. Uno scontrino sbiadito sbuca a metà tra le pagine, quasi fosse un segnalibro. Lei apre decisa la prima pagina, e inizia a leggere, in italiano: “Nella mia casa paterna, quand’ero ragazzina, a tavola, se io o i miei fratelli rovesciavamo il bicchiere sulla tovaglia, o lasciavamo cadere un coltello, […]

Charlotte Gray [Vienna]

Tram 43. Entro frettolosamente, mi siedo e riprendo la mia lettura. Con la coda dell’occhio, noto all’improvviso un libro alla mia destra. Non riesco a vederne la copertina, ma intravedo una mano ben curata reggerne le pagine. Due anelli semplici, incastrati tra le grinze del dito anulare. Con discrezione alzo lo sguardo: un’elegante signora, un’amabile […]

I figli della mezzanotte [Vienna]

Karlsplatz. La metro rallenta entrando in stazione, e io lo noto attraverso i vetri ancor prima di salire. Entro rapidamente e mi siedo davanti a lui. Trench verde militare con cintura annodata in vita; jeans largo raccolto in un paio di Dr. Martens perfettamente allacciati. Un lungo ciuffo castano fuoriesce dal cappuccio alzato della felpa. Siede […]

Il talento del cuoco [Vienna]

Il tram attraversa la rotatoria di Schwarzenbergplatz con una curva lenta e larga che per un attimo mi disorienta. Sarà che viaggiare in direzione opposta al senso di marcia mi fa sempre un certo effetto. Sposto lo sguardo davanti a me, e la noto seduta in fondo al tram. I capelli raccolti sulla nuca in uno […]