Quand Tu Vas Chez Les Femmes [ROMA]

Copertina grande Quand tu vas chez les femmes (1)Linea B1 della metro. Come nel film “Sliding doors”, le porte del vagone si chiudono proprio davanti ai miei occhi. Mentre mi sto chiedendo quando passerà il prossimo treno e quanto tardi arriverò in ufficio, ecco che qualcuno, qualche metro più in là sulla banchina, si limita a pigiare il bottone di apertura delle porte che, insperatamente, si riaprono. Il convoglio è pieno come un uovo e non posso far altro che rimanere sulla soglia, abbastanza vicina da potermi appoggiare però agli “appositi sostegni” e poter continuare nella lettura che nemmeno il percorso ad ostacoli delle scale mobili era riuscito a interrompere. Accanto a me, c’è un’altra lettrice; esile e armoniosa, porta ancora addosso i segni dell’estate: abbronzatura, shorts, camicia a pois senza maniche, capelli corti ancora bagnati dopo la doccia, borsetta in cuoio a tracolla. Dalla posizione in cui mi trovo è impossibile però carpire il titolo che ha tra le mani. L’occasione arriva quando entrambe scendiamo alla stessa fermata e chiudiamo i rispettivi libri: il suo è Quand tu vas chez les femmes di Christiane Rochefort.

2 commenti

  1. “L’occasione arriva quando entrambe scendiamo alla stessa fermata e chiudiamo i rispettivi libri: il suo è Quand tu vas chez les femmes di Christiane Rochefort.” e il tuo?

  2. Il mio era (adesso ne ho iniziato un altro😉 ) “Il bar delle grandi speranze” di J.R.Moehringer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: