Category autobus – bus

Partire leggeri [TORINO]

Sarà che anche lei, da là sotto, soffre il caldo e l’umidità di questi primi giorni di giugno, ma la metro di Torino sta facendo i capricci, costringendo la fauna sotterranea a risalire in superficie. Sotto il sole intransigente, gli urbanauti si destreggiano con una certa goffaggine e attendono alle fermate in un silenzio rituale. All’arrivo dell’agognato mezzo, ciascuno si fionda verso […]

La resistenza perfetta [TORINO]

Nella parte centrale di un autobus doppio c’è un uomo sui 35 anni che legge in piedi. È grande e grosso, indossa una camicia a quadri e un paio di jeans larghi, ha i capelli ricci e la barba incolta, dalla tasca gli esce un filo viola che collega il cellulare agli auricolari che ha ben piantati nelle orecchie. Tiene il libro con una sola mano […]

LM Amarcord: L’idiota [ROMA, luglio 2011]

Libro: L’idiota, di Dostoevskij. Uomo sui 40 anni. Aveva capelli insolitamente bianchi per la sua età. Indossava una polo arancio pallido e scarponcini da trekking. L’ho incontrato stamattina in metro, si è messo a leggere in piedi accanto a me. Ore dopo nella mattinata l’ho rivisto sul 30 express. Io tornavo da un appuntamento, lui […]

Il terzo strike [TORINO]

Solito bus 68 pieno a fine giornata, che dal Campus Einaudi oltrepassa la Dora e si immerge nel Quadrilatero. Mi incastro tra la spalla di uno sconosciuto e l’obliteratrice, mi aggrappo e, posizionata la pesante borsa tra le gambe, osservo: l’autobus entra in via Rossini e scivola rapido sino a raggiungere corso Vittorio, su cui ruota di novanta gradi e prosegue. Lei […]

LM D’AUTORE: IL PICCOLO PRINCIPE [CELESTINA PISTILLO]

Autobus. Interno (mo’ va’ buco sta suoneria del telefono) giorno. Lui, non più di 8 anni, occhiali da vista con la montatura rossa, cappellino di lana color senape e due occhi blu rapiti dalle pagine del libro che tiene ben stretto tra le mani. Accanto a lui, silenziosa, la nonna. Di fronte a loro una […]

Allegro ma non troppo [TORINO]

Linea 68, fine giornata. L’autobus è pieno, ma inizierà a svuotarsi non appena superata la seconda metà di Corso Vittorio. Lasciato alle spalle Palazzo di Giustizia, infatti, restiamo in tre: una ragazza sul fondo chiacchiera con un’amica al telefono mentre un ragazzo più discreto siede in testa al veicolo. Se ne sta dietro due grosse lenti da […]

Il pianeta dei calzini spaiati [TORINO]

Salgo sul 13 direzione via XX Settembre. Adocchio il mio sedile preferito, ma è occupato. Il secondo mio preferito è di fronte a due adolescenti che si stanno baciando. Ok. Resterò qui, vicino alle porte, attendendo la fine della pomiciata mattutina e non appena i bollori si saranno raffreddati mi siederò di fronte a Giulietta […]

The Tiny Book of Tiny Stories [LONDRA]

Desisto dal salire sul double decker 16, che arriva in Maida Vale, perché troppo pieno. Con me, sulla banchina, sono rimaste tre donne e un teenager di origini cinesi. È alto oltre il metro e ottanta e la spessa montatura nera degli occhiali spicca su tutto. Ripone lo smartphone nella tasca del pantalone beige, dopo […]

Il magico potere del riordino [TORINO]

Nelle ore di punta, il pullman 68 è quasi impossibile da prendere senza avere la sensazione di essere palpeggiati e se ci sono orari da rispettare, bisogna fare buon viso a cattivo gioco: chiedere permesso ed entrare sotto lo sguardo di mero odio di chi deve spostarsi, anche solo di un millimetro, per farti entrare. […]

Che ci importa del mondo [TORINO]

La lunga e riccia chioma la fanno sembrare una leonessa. Il mini vestito di lana le evidenzia le sinuose curve. Le décolleté dello stesso rosso mattone del vestito sottolineano le esili caviglie. Si accomoda come fosse su una Poltrona Frau e accavalla le gambe come fosse su di una Scoop Low di Tom Dixon. Inizia […]

Numero Zero [ROMA]

A differenza di chi, su un autobus strapieno, spalanca noncurante della mancanza di spazio vitale il quotidiano, rischiando di accecare con l’estremità appuntita delle pagine chi gli sta accanto, ho sempre guardato con una punta di ammirazione chi, nella medesima situazione, si ostina a tirar fuori dalle tasche un libro, affrontando mille funambolismi per poterselo […]

Extension du domaine de la lutte [VEVEY]

Adoro il freddo. Quello pungente che sferza il viso è il mio preferito, ma stamane, forse complice il sonno arretrato, non riesco ad apprezzare i -5 gradi che riscaldano Vevey. La meta è a soli 10 minuti a piedi, ma in lontananza vedo avvicinarsi il bus 212. Sarà lui che, con il suo minuto scarso […]

Olive Kitteridge [LA TOUR-DE-PEILZ]

È un giorno di pioggia sul lungolago di La Tour-de-Peilz. Seduto sulla panchina della fermata del bus, in attesa del 201, vengo raggiunto da una ragazza. Il fisico esile indossa un maglione oversized dai colori accesi e un paio di leggings scuri come la notte. I lunghi capelli lambiscono le spalle. Il bindi, inconfondibile simbolo […]

Il Carezzevole [ROMA]

L’80 Express arriva alla fermata già pieno. Salendo riesco inaspettatamente a ritagliarmi un posticino accanto all’obliteratrice e a tirare fuori dallo zaino l’ultimo di Camilleri. Quella che pensavo fosse una fortuna si rivela ben presto una condanna: i passeggeri che man mano salgono sulla vettura e che non riescono ad andare oltre la soglia, per quanto […]