Pulp [Torino]

pulpIl treno è fermo nella stazione di Porta Nuova quando la Polfer passa a dare un’occhiata nel vagone ancora semivuoto. Si fermano accanto a un ragazzo sui venticinque anni, testa rasata e barba lunga, piercing vari e pantaloni larghi, che siede leggermente scomposto e tiene tra le mani Pulp di Charles Bukowski. Gli chiedono i documenti. Il ragazzo solleva educatamente lo sguardo dal libro e porge la carta d’identità. Quando gliela restituiscono la mette via scuotendo la testa, sorride tra sé e si immerge di nuovo nella lettura.

2 commenti

  1. Evidentemente c’è abituato

  2. … perché l’abito non fa il monaco, ma il delinquente potrebbe pure

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: