Tag Archives: libri belli

GIPI

La mia vita disegnata male [ROMA]

Di fumetti si parla, stavolta. Media statura, sufficientemente grande da essere apparecchiato sulle ginocchia, orizzontale, senza dare fastidio. Sufficientemente tenuto distante da consentire l’approdo di almeno un paio di paia di occhiali. I primi sono fedelissimi alla linea; i secondi (colorati il giusto) sono quelli di Lettore, che mi siede accanto e  proprio non riesce […]

unastoria-cover

unastoria [Roma]

Trovarlo in metro è già un atto di coraggio, viste le dimensioni non proprio tascabili. E’ un libro che occupa spazio, è in affido a due mani grandi e bellissime. Con gli occhi bassi e all’ingiù, con le ciglia lunghissime e la maglietta a maniche corte colorata. Ha uno zainetto appoggiato a terra e una […]

SEPULVEDA_storia1

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare [Roma]

Quando si dice, il libro perfetto nelle mani perfette. Completo blu, caschetto nero, ha una delicatezza involontaria che è cosa rara. Piena estate (nel trenino che corre da Flaminio verso quella zona di Roma dove coabitano in pace esseri umani, autobus e pecore), il libro fa capolino da una tasca: il pollice sostiene il manico […]

maestro-e-margherita

Il Maestro e Margherita [Bari]

Naturalmente, arrivo in stazione ed il treno è già sul binario in partenza, solita routine, “Ngiorno, va a bari?…” prendo posto in piedi, giro la testa a destra e sinistra ed avvisto la lettrice del giorno. Molto minuta, riccioli neri neri le coprono un viso affilato ma molto dolce, legge curva in avanti un libro dalla copertina bianca di cui non riesco a intravedere il titolo ma che evidentemente accelera il respiro della lettrice. Ad un certo punto si accorge che…

tutte le speranze

Bookselfie: matsymanu [Roma]

Pontelungo. Entra trafelata con passo poco felpato, piombando nel benvenuto di uno sciame militare di passeggeri. Espressione assente,stropicciata ma cerimoniosa. Si spalma addosso alla portiera opposta rispetto a quella d’accesso, si vede che è esperta e sa che “uscita-lato-sinistro” non verrà comunicato per un bel po’. Gambe incrociate a forbice, mano sinistra regge il tesoro […]

Raccontami la notte

Raccontami la notte in cui sono nato [Roma]

Come la chiacchiera durante i concerti, con la stessa tenacia e ostinazione, un esemplare di Essere Umano dotato di pachidermico telefono cellulare e decibel vocali senza paragoni sta disturbando Lettore Giovane, metro A, ore 7.30, San Giovanni. Lettore Giovane stacca ripetutamente lo sguardo dal libro, come quando non si vuol perdere di vista il susseguirsi delle fermate. Stavolta la procedura ritmica di “sollevamento testa” è raddoppiata, perchè…

siddharta[1]

Siddharta [Bari]

Jeans e maglietta azzurri, un ragazzo di circa 20 anni, moro con la barba e le lentiggini, regge davanti alla faccia con una mano, mentre con l’altra si tiene il gomito, Siddharta di Herman Hesse. E’ seduto tra due sedili vuoti occupati alla destra dal suo giubbino rosso e alla sinistra dal suo cellulare. A metà tragitto si piega in avanti poggiando i gomiti sulle ginocchia. Legge senza distrarsi tenendo le labbra serrate. Il treno si ferma al capolinea, tutti si apprestano ad uscire, lui…

Eva dorme

Eva dorme [Roma]

Una marea di capelli neri e grossi e spessi. Una signora bellissima, con la faccia di cera, gli occhi grandi ma svuotati, da attrice. Con gli orecchini blu cobalto, altrimenti detti pennacchi, spolverini, credo. La guardavo perché ogni tanto chiudeva gli occhi e io, in scia, cominciavo a pensare e scommettere che stesse scorrendo qualche […]

Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte [Alessandria]

Un ragazzo giovane, con i jeans chiari e una felpa grigia col cappuccio aperta su una maglietta gialla, da quando sale sul treno ad Alessandria non stacca mai gli occhi dal libro che sta leggendo, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, di Mark Haddon. Tiene il segno della riga a cui è arrivato […]

americangods

American Gods [Bari]

Anche oggi, puntualmente in anticipo, la lettrice seriale arriva sorridente in stazione prima di tutti i suoi compagni (umani) di viaggio ed anche oggi è in compagnia di un compagno di viaggio cartaceo. Oggi toccherà cominciare la lettura di un nuovo libro: American Gods di Neil Gaiman. La vedo di tanto in tanto …

1Q84 Libro 3 [Faenza]

Il piccolo treno ferma in perfetto orario e un flusso di pendolari popola improvvisamente il binario 4. Tra questi c’è una ragazza alta e magra racchiusa in una giacca di lana grigia, dalla quale fuoriesce solo la testa, che tiene tra le mani sottili 1Q84 di Haruki Murakami. Ferma sulla pensilina, i suoi occhi guardano a […]

Capitani oltraggiosi [Faenza]

Con un gusto un po’ retrò, come se arrivasse direttamente da un’altra epoca, la ragazza vestita con una camicia di jeans e una gonna al ginocchio, porta stretto al braccio Capitani oltraggiosi di Joe R. Lansdale. Con gesti brevi e veloci si sposta dalla folla di gente che si é creata, lasciando una scia di […]

L’ombra del vento [Ventimiglia]

Una ragazza bionda e carina sale sul treno e saluta un conoscente, già seduto. Prende posto davanti a lui, i sedili liberi sono pochi, è stata fortunata a trovarne uno. Scambia due parole di circostanza con l’uomo seduto di fronte e poi tira fuori un libro: L’ombra del vento, di Carlos Ruiz Zafón. L’uomo le […]

La lezione di anatomia [Voghera]

Sul treno, una signora sui cinquant’anni legge concentrata, sollevando lo sguardo solo ogni tanto e per pochi attimi, come ad assimilare meglio ciò che ha appena letto. Indossa vestiti semplici e pratici, un paio di jeans, un vecchio pullover stinto, scarpe senza tacco, come chi non bada alle apparenze ed è abituato ad andare oltre […]